Greca Pillitu traccia il bilancio al termine del campionato di serie B1

Terminato il campionato di serie B1 con una meritata salvezza, Greca Pillitu traccia un bilancio di un’annata vissuta tra alti e bassi, riuscendo comunque a rialzare sempre la testa e centrare l’obiettivo prefissato. «Sono soddisfatta» esordisce «perché, vista la piega che stava prendendo la stagione, siamo state brave a rimetterla sulla giusta strada. All’inizio» spiega «avevamo avuto dei problemi di non poco conto nel formare la squadra, avendo anche delle limitate possibilità di scelta. Nonostante questo però la squadra va elogiata perché ha conquistato meritatamente la salvezza». Contro le varie avversità che, quest’anno, sono state numerose. «Le ragazze sono state brave a reagire, cementando un gruppo grazie soprattutto alla spinta delle giocatrici più toste, brave a coinvolgere tutte. Ho sempre avuto fiducia di poter raggiungere l’obiettivo prefissato anche se» ammette «quello che dispiace maggiormente è il non aver avuto la possibilità di poter giocare un campionato più sereno e tranquillo, rischiando di perdere quelle giocatrici che magari hanno ambizioni diverse». Ed alla serenità e alla tranquillità di certo non ha contribuito la fortuna. «Ripensando agli anni scorsi, mai mi era capitato di non poter schierare praticamente sempre la squadra titolare. C’erano stati sempre degli infortuni durante la stagione però, quando serviva, potevo mettere in campo la migliore formazione. Quest’anno» sottolinea «ci sono mancate tante ragazze, come ad esempio il palleggiatore Bissoli ad inizio stagione. E tutti questi infortuni non ci hanno permesso di avere un buon rendimento, perdendo sicurezza e non permettendoci di fare risultato in un dato momento della stagione, cosa che ci avrebbe permesso di svoltare». Riuscendo comunque a concludere il campionato al meglio ed iniziare già a programmare il prossimo. «Prima di tutto cercheremo di capire le intenzioni delle ragazze che vorremmo confermare, avendo già le idee chiare riguardo ad altre giocatrici che potrebbero interessarci». Greca infine conclude dedicando un pensiero a tutte le persone che hanno sofferto, gioito ed hanno sempre sostenuto la squadra. «Ringrazio tutti per la pazienza, perché è stato un anno difficile per la squadra, come lo è stato per me dal punto di vista personale. Alla fine però la forza del gruppo ha avuto la meglio. Ringrazio anche per la fiducia che hanno avuto nei nostri confronti e» conclude «prometto che l’anno prossimo faremo sicuramente meglio».  (m.h.)