U 16 VIVIgas: gara del 22.10.17

UNDER 16 FEMMINILE
DOMENICA 22 OTTOBRE 2017
VIVIGAS ARENA VOLLEY vs VOLLEY SOMMA
3-0
25-13 / 25-14 / 25-14
 
Il leitmotif, il tema conduttore di questa grigia domenica 22 ottobre 2017, che coincide con la quarta giornata di campionato Under 16, è il seguente quesito referendario:
Vuoi che alla Under 16 dell’Arena Volley siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?
La risposta delle butelete aventi diritto al voto non è stata né immediata, né unanime, né tantomeno plebiscitaria. È parsa, di contro, un po’ timida e sotto tono ma, a ben guardare, qualcosina di nuovo si sta affacciando sul panorama agonistico. Sembra che, forse, pian piano, possano davvero essere attribuite alla squadra ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia di gioco che movimentino un tantino gli schemi e valorizzino le peculiarità di tutti e cinque i ruoli.
 
SET UNO: per ben due volte il Somma ci regala la palla sbagliando il servizio e per ben due volte noi restituiamo il favore sbagliando la difesa a muro. Nonostante tutto si riesce a prendere un buon margine e, se è vero che sbagliando s’impara, il nostro undicesimo punto nasce da un murone a due che innesca il pronto vocalizzo dell’intera panchina. A E I O UUuuhh.
Il Somma fa fatica, rimane fermo sul 12 per troppo tempo e a nulla valgono le due interruzioni chieste dall’allenatore, il buon papà Elisa, per cercare d’organizzare una reazione che però non arriva.
 
SET DUE: il cambio campo porta consiglio. La ricezione del Somma diventa più attenta ed efficace rispetto il set precedente e, complice anche un nostro attacco meno incisivo, si gioca di più. A volte sembra di assistere ad una partita di bagherone ma va bene uguale. È divertente il bagherone! Si pratica in qualsiasi palestra d’Italia e del Mondo, a qualsiasi livello e a qualsiasi età, dal minivolley alle prime squadre. Il prossimo referendum lo facciamo per istituire un campionato di bagherone. A metà del secondo set appare distintamente a tutti un generale déjà-vu: il Somma fa fatica, rimane fermo sul 12 per troppo tempo e a nulla valgono le due interruzioni chieste dall’allenatore, il buon papà Elisa, per cercare d’organizzare una reazione che però non arriva.
 
SET TRE: per le nostre butelete, il terzo periodo parte un po’ così e così… sconcentrato e bruttino. Fa sorridere un missile aria-aria che fortunatamente ci aiuta solo perché colpisce un’avversaria, altrimenti sarebbe stato destinato a stamparsi sulle spallierie in fondo alla palestra. Otto battute sbagliate parlano chiaro, così come parlano altrettanto chiaro le corrispondenti otto occhiatacce di Claudia. Si arriva punto su punto fino al 10 senza significativi divari fin quando, una nostra bella volée, segna il sorpasso ed innesca il terzo generale e consecutivo déjà-vu: il Somma fa fatica, rimane fermo sul 12 per troppo tempo e a nulla valgono le due interruzioni chieste dall’allenatore, il buon papà Elisa, per cercare d’organizzare una reazione che però non arriva.