Claudia Fracasso fa il punto al termine del girone di andata

Si è chiuso il girone delle prime classificate che ha visto VIVIGAS arrivare al terzo posto dietro Vidata e Beladelli. Nell’ultima partita di sabato le ragazze guidate da Claudia Fracasso sono uscite sconfitte dallo scontro al vertice in casa della capolista Vidata, al termine di una partita da dimenticare e che ha purtroppo visto infortunarsi il capitano Chiara Fusa. L’allenatrice, in vista della partita di ottavi di finale contro il Valpantena Volley, analizza il cammino fatto finora dalle ragazze. Un cammino che recentemente ha visto accendersi una spia rossa, che ha purtroppo addensato di nuvole il cielo sopra l’U16. «Disputando dopo Natale il Torneo Anderlini a Modena, si sono evidenziati dei problemi che prima, probabilmente, non erano venuti alla luce per vari motivi. Ad esempio» prosegue «affrontare delle squadre al nostro livello, con le stesse capacità e competitive, si sono evidenziati alcuni “buchi neri” riguardo ai quali stiamo cercando una soluzione, senza però riuscire finora a farli sparire. Purtroppo» aggiunge «le partite vere e proprie sono arrivate dopo quel momento, e la squadra ne ha risentito». Come però Claudia sottolinea, «Contro l’Antares non ho visto tanti “buchi neri”, però l’infortunio del capitano ha falsato l’andamento della partita. Potevamo fare qualcosa in più, ma certe situazioni ti condizionano troppo». Ora però è bene guardare avanti e pensare ai prossimi impegni, che vedranno le ragazze affrontare domenica il Valpantena nella prima partita da dentro o fuori. «D’ora in poi saremo messi tutti alla prova. Già venerdì sera, quando giocheremo in prima divisione contro il Beladelli, mi aspetto una prima reazione. Le ragazze devono capire di avere maggior fiducia in se stesse e nelle compagne. Solo così riusciremo a superare i momenti difficili, che ci sono e ci saranno in ogni partita, senza chiudersi in se stesse ma, in caso di difficoltà, chiedendo aiuto alle compagne».  (m.h.)