Serie B1 giornata 22

VIVIGAS Arena Volley- Atomat Volley (Ud) 3-2
(23-25/23-25/25-11/26-24/16-14)
 
FORMAZIONE VIVIGAS ARENA VOLLEY: Bellè, Bissoli (3), Bovo (6), Brignole (0), Giometti (15), Mazzi (19), Merzari, Monzio Compagnoni (6), Palumbo (4), Rivoltella (14), Sandrini (7). Liberi: Moschini, Romanò. 1° Allenatore: Pillitu Greca 2° Allenatore: Truzzi.
Atomat UD: Ventura, Berzanti, Paunovic, Carbone (3), Allesch, Zonta (7), De Arcangelis (11), Manig, Cheli (18), Grassini (5), Fezzi (14), Boldrini, Quarchioni (19) . Libero: Graberi.  Allenatori: 1° Cuttini 2° Cumini.

Con una prova tutta carattere e cuore la ragazze di VIVIGAS ottengono una vittoria entusiasmante contro le friulane di Atomat, arrivate a Castel d’Azzano con l’intento di ottenere punti importanti per la lotta salvezza.
Una prova davvero di ottimo livello tecnico con le due formazioni che non si sono mai risparmiate o date per vinte.
Nel primo set partono meglio le padrone di casa e vanno avanti sull’8-3, poi però la ricezione comincia a patire molto: sono ben gli 8 ace subiti nel parziale, cosa che consente alle ospiti di riagguantare VIVIGAS e di conquistare il set con un tiratissimo 25-23.

Dal secondo set Pillitu inserisce Sandrini per Palumbo per dare qualche cosa in più in ricezione e difesa ed in effetti le cose in questi fondamentali funzionano meglio. Ad andare in difficoltà però ora è la battuta delle veronesi, 4 errori diretti nel set, pur senza forzare molto. L’attacco ospite inoltre passa davvero con ottime percentuali (50%) questo anche a causa della scarsa incisività delle battute delle padrone di casa. Il set è tiratissimo, ma Atomat concede il bis conquistando anche il secondo parziale con lo stesso punteggio di 25-23.  

Ancora un cambiamento nel terzo parziale con l’ingresso in campo della centrale Monzio Compagnoni che porta una maggiore vivacità in attacco. La ricezione veronese sale a percentuali altissime (80%) e Bissoli sfrutta al meglio le proprie attaccanti che passano in maniera davvero efficace (47%). L’allenatore friulano, visto l’andamento del set, coglie l’occasione per fare fiatare alcune delle proprie atlete e fare entrare alcune giocatrici dalla panchina. E’ un monologo VIVIGAS che si aggiudica il parziale con un nettissimo 25-11.

Il quarto ed il quinto set sono per cuori davvero forti. Le friulane nel quarto parziale sembrano poter chiudere la partita a proprio vantaggio, tornando a sfruttare dei turni in battuta davvero efficaci specie di Quarchioni  con la ricezione veronese che soffre un po’ troppo. Così Atomat si porta avanti fino al 24-20 quando Atomat dà la sensazione di avere già portato a casa la vittoria. Ed invece, succede l’impensabile: le friulane cominciano ad avere paura a chiudere la gara e VIVIGAS, punto dopo punto, trasforma quella paura in terrore, 24-21, 24-22, 24-23, poi 24-24 e finisce in tripudio con le veronesi che si aggiudicano il set 26-24. Esplodono i tifosi del PalaRobbi.

Anche nel quinto set le friulane conducono quasi sempre avanti 3-5, 7-10 ed ancora 12-10, ma, ancora una volta, è VIVIGAS a compiere la volata finale e ad aggiudicarsi il set e la gara per 16-14.

Una gara davvero bella, ricca di colpi di scena, correttissima e di un buon livello tecnico nonostante una coppia arbitrale apparsa non sempre all’altezza. Le friulane hanno dimostrato una notevole superiorità in battuta (10 punti diretti realizzati contro i soli 3 veronesi) ed in ricezione (62% contro 55%), mentre VIVIGAS è stata superiore in attacco (39% contro 32%). Giuste le contromosse tattiche adottate da Pillitu in corso di gara per puntellare la ricezione e difesa e per sfruttare la maggiore velocità delle proprie centrali. Una buona prova di tutte le atlete scese in campo che hanno dimostrato grande determinazione. Bene Mazzi con i suoi 19 punti realizzati, bene anche Bissoli che quando la ricezione si è mantenuta buona, è riuscita a sfruttare meglio le proprie attaccanti. Ma complimenti anche ad Atomat per l’ottimo gioco espresso e per la correttezza dimostrata.