PROMOZIONE IN SERIE B2

CLAP HOTELS- Zamboni Transervice

 

PLAY OFF PROMOZIONE FEMMINILE SERIE C

CLAP HOTELS - Carinatese (Tv) 3-0

(26-24/25-15/25-15)

Gara del 09.06.12

Formazione CLAP HOTELS: Bonizzi Barbara (n.e.), Festi Francesca (6), Fiocco Marianna (12), Ingenito Alessia (0), Pasetto Silvia (5), Sandrini Glenda (9), Tonetta Nilde (13), Vesentini Silvia (3), Zanardelli Arianna (n.e.), Zordan Tania (n.e.), Zorzella Carolina (0). LIBERI: Bello Francesca, Bovo Giulia.  Allenatori: 1° Pietro Legrottaglie, 2° Greca Pillitu

Davanti ad un pubblico di oltre 400 persone CLAP HOTELS conquista la promozione in serie B2, un risultato storico per la formazione di Castel d’Azzano, sfiorata più volte nelle stagioni passate e finalmente arrivata. Non era semplice alla vigilia in quanto la carina tese aveva battuto per 3-2 il Giorgione e quindi alle trevigiane bastava anche perdere per 3-2 per ottenere loro la promozione.

Il primo set è stato il più combattuto, quello in cui si è deciso l’esito dell’incontro. Partono bene le trevigiane che si portano avanti sul 10-6, CLAP HOTELS reagisce con un parziale di 10-3, ma sono ancora le ospiti  a riportarsi avanti fino al 22-20. Gli attacchi da entrambe le parti fanno fatica a mettere la palla a terra. Legrottaglie e Pillittu (insieme formano il “PiGreco”) trovano la formula esatta per conquistare il set: cambio del palleggio e dell’opposto con l’ingresso di Ingenito e Zorzella. Il cambio ottiene l’esito  sperato, con una difesa decisiva per le sorti del match di Zorzella, che difende un pallone oramai sotto alla rete.  CLAP HOTELS recupera, si porta in parità sul 24-24 e poi vince il set, grazie a due attacchi al centro di Fiocco, sul 26-24. La palestra esplode di gioia. La differenza, minima, fra le due formazioni viene dalla ricezione che è a favore delle padrone di casa.

Dal secondo parziale si rompe l’equilibrio della gara. CLAP HOTELS migliora in attacco e soprattutto a muro, dove riesce a toccare tantissimi palloni. Cresce anche l’attacco dove oltre a Tonetta e Fiocco che hanno trascinato gli attacchi nella prima frazione, danno il loro apporto anche Sandrini, Festi e Vesentini e la palleggiatrice Pasetto infila ben 5 punti, ottenuti anche grazie ad una battuta davvero efficace. Il secondo ed il terzo parziale filano via lisci senza troppi patemi: 25-15 il risultato di entrambi i parziali.

Esplode la festa per i sostenitori di Arena Volley. Un video proiettato in palestra ripercorre le tappe di una stagione lunghissima, tanta gioia e anche qualche lacrima agli occhi.

Un pensiero alla Carinatese e ai suoi sostenitori arrivati numerosissimi a Castel d’Azzano: hanno dato prova di grande sportività e lealtà. Hanno una squadra giovane e che regalerà loro sicuramente tante belle emozioni. Ovviamente la sconfitta è amara. Comunque grazie per la sportività dimostrata: nella pallavolo è quasi sempre così, ma bisogna ricordarcelo.

Una stagione lunghissima dicevamo. Una regular season fatta di una sfida continua contro il Bassano, finita con un secondo posto. Una prima gara dei play off contro Inglesina che era un po’ la vendetta sportiva dei play off della scorsa stagione. E poi la seconda fase con la sconfitta contro il Giorgione. E lo scontro tra Carinatese e Giorgione a favore delle prime. Infine la netta affermazione di ieri sera. Promozione ottenuta all’ultima giornata in casa, davanti ai propri tifosi: il massimo dal punto di vista sportivo, il minimo per le coronarie dei dirigenti.

Una stagione nata con tanti vicissitudini in panchina, con l’alternarsi di ben tre allenatori in panchina ma con la presenza sempre seria e pacata di Legrottaglie a fare da collante. Un grazie a Pietro davvero, per lo spessore umano, prima che ancora tecnico, che ha consentito di condurre la nave attraverso grandi perigli. Un uomo vero.

Grazie a Greca Pillittu per la collaborazione intelligente, per la cura del giovanile, per il suo apporto ora più discreto ora più incisivo. Grande tecnico, si sapeva. Una donna vera.

Grazie alle atlete. Questa vittoria è vostra! 

Grazie alle esperte Tonetta e Bovo che hanno trascinato la squadra, caricandosela talvolta sulle spalle, spingendo sempre a mille in ogni allenamento ed ogni esercizio. Tecnicamente indiscutibili, portatrici di un segreto da coltivare nel cuore: l’amore per la pallavolo.

Grazie alle palleggiatrici, Ingenito e Pasetto che si sono spesso giocate il posto in squadra e che hanno entrambe dato un contributo essenziale in questa stagione: chi in una fase chi nell’altra del campionato o della stessa partita. Una sfida sportiva bella, da atlete vere.

Grazie a Bonizzi e Zordan. Persone solari, sorridenti e sempre a disposizione. Hanno avuto vari spazi per dimostrare il loro valore in campo, ma hanno anche agevolato il lavoro di chi entrava in campo, sempre disponibili e impegnate. Zordan ha coperto nella stagione tre ruoli diversi: centro, lato e opposto, sempre con risultati positivi. Ragazze di valore, di grande sensibilità ed intelligenza.

Grazie alle centrali Vesentini e Zanardelli, hanno subito anche qualche acciacco fisico in stagione, ma hanno tenuto duro, senza mollare mai. Un esempio.

Grazie alle giovani, Bello, Festi, Fiocco, Sandrini e Zorzella. Hanno portato freschezza e spensieratezza. Hanno dimostrato, ancora una volta, come la scelta più corretta sia puntare sulle giovani. Hanno avuto dei miglioramenti tecnici e tattici davvero significativi in questa stagione: continuate così, perché il futuro è vostro.

Grazie ai dirigenti che quotidianamente si impegnano perché le cose funzionino al meglio, operando fuori dai riflettori, ma senza mollare mai. Siamo abituati così, a lasciarli nell’ombra, perché l’amore per quello che facciamo è quello che ci porta a fare tanti sacrifici, non servono tante parole: grazie, perché senza di voi, niente di tutto questo sarebbe possibile.